CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news sull'Eco-Sostenibilità

Le ultime notizie di AlternativaSostenibile.iy

Cerca nel blog

mercoledì 31 luglio 2013

Green Day di Daniele Galliano



Ti piace Marco Cappello su Facebook?

Marco Cappello



Marco Cappello Vintage & Design

presentazione dell'opera inedita di Daniele Galliano

GREEN DAY 


Giovedì 1 agosto 2013 ore 18.30

L'opera rimarrà in visione fino al 30 di settembre


Immagine


Marco Cappello Vintage & Design (Via Palazzo di Città 21/b) ha il piacere d'invitarti alla presentazione dell'opera inedita di Daniele Galliano GREEN DAY (2011 olio su tela cm 200x148).
 
L'opera rimarrà in esposizione dal 1 agosto al 30 settembre 2013 con il seguente orario dal lunedì al sabato dalle 16.00 alle 19.30 e su appuntamento.
 

BIOGRAFIA

Daniele Galliano nasce a Pinerolo nel 1961.
Autodidatta di formazione, comincia ad esporre a Torino, dove vive e lavora, all'inizio degli Anni 90, conquistandosi velocemente un posto di rilievo all'interno di quella nuova scena pittorica italiana che muove i suoi primi passi alla fine degli anni Ottanta. Il suo "realismo fotografico", le sue immagini di luoghi e persone, cominciano ben presto a farsi notare oltre i nostri confini, e gli consentono di partecipare ad importanti personali e collettive in Europa e negli Stati Uniti. Galliano inoltre è uno dei pochi protagonisti dell'arte giovane italiana ad essere conosciuto anche da un pubblico più grande di quello agli addetti ai lavori. Numerose sono state in questi anni le collaborazioni con musicisti, registi e scrittori.
 

Location

Orari di apertura
dal lunedì al sabato ore 16.30 - 19.30
mattino su appuntamento

info@marcocappello.com
www.marcocappello.com

Marco Cappello Vintage and Design
Via Palazzo di Città 21/B
10122 Torino - Italy

Tel. +39 011 4361245
Mob +39 347 4039948



UPS registra la riduzione delle emissioni di gas serra

L'azienda si è posta l'obiettivo di percorre 1,6 miliardi di chilometri

con combustibili alternativi entro il 2017

 

 

Milano, 31 luglio 2013 – UPS (NYSE:UPS) ha diffuso il Rapporto di Sostenibilità annuale, nel quale annuncia di aver registrato una riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) nonostante l'aumento del numero dei pacchi consegnati nel 2012. I successi in termini di tutela dell'ambiente sono stati raggiunti grazie al risparmio di carburante per il trasporto via terra e via aerea, l'aumento degli investimenti in veicoli a combustibile alternativo e una riorganizzazione dei percorsi che ha permesso di ridurre di circa 19,5 milioni di chilometri le tratte per le consegne su strada.

 

"UPS ha fissato, inoltre, un nuovo obiettivo per l'utilizzo di combustibili alternativi", ha detto David Abney, chief operating officer di UPS. "Entro il 2017, l'azienda mira a percorrere 1,6 miliardi di chilometri (1 miliardo di miglia) con combustibile alternativo e veicoli a tecnologia avanzata - più del doppio rispetto al precedente obiettivo di 400 milioni di miglia".

 

Per il secondo anno consecutivo, UPS ha conseguito le certificazioni di qualità più elevata per la trasparenza nel processo di reporting. Il Rapporto di Sostenibilità soddisfa infatti i requisiti del livello A+ stabiliti dalla Global Reporting Initiative e ha ottenuto l'avvallo di Deloitte & Touche LLP, parte terza che ha certificato il report e i dati relativi ai gas serra. Meno del 20% di tutti i rapporti di sostenibilità della Global Reporting Initiative sono A+.

 

"I nostri risultati all'avanguardia nel settore mostrano come una tecnologia innovativa migliori l'efficienza operativa a livello globale e permetta di ottenere certificazioni di prim'ordine di dati tangibili", ha dichiarato Scott Wicker, chief sustainability officer di UPS. "Il tema del rapporto, More of What Matters, mette in evidenza come UPS si stia sempre più concentrando sull'avere un impatto positivo, che sia misurabile, attraverso pratiche di business sostenibile e competenze logistiche".

 

Tra i punti salienti del Rapporto 2012:

 

• Riduzione del 2,1% rispetto all'anno precedente delle emissioni di gas serra calcolate sia sull'operatività dell'azienda sia sull'energia acquistata

 

• Rapida espansione delle infrastrutture healthcare di UPS a livello globale per un totale di circa 595.000 metri quadrati

 

• Global Forestry Initiative, per piantare più di 1 milione di alberi entro la fine del 2013

 

• Impegno nell'assistenza umanitaria in 35 paesi, con relative donazioni in generi di conforto per un valore corrispettivo di 2,6 milioni di dollari

 

• Contributi di beneficenza e donazioni a United Way di 97,5 milioni dollari, 4 milioni di dollari in più rispetto al 2011

 

• Un nuovo record di 1,8 milioni di ore di volontariato donate dai dipendenti UPS, i loro amici e le loro famiglie

 

Inoltre, nel 2012 la UPS Airlines, responsabile del 57% delle emissioni di anidride carbonica di UPS, ha ridotto l'uso di combustibile e la produzione di CO2 determinando un risparmio dell'1,3% del carburante rispetto all'anno precedente, nonostante il volume di trasporto aereo sia aumentato del 4,8% nello stesso periodo.

 

Uno dei capisaldi della strategia ambientale di UPS è quello di sostenere lo sviluppo e l'uso di carburanti alternativi a più basse emissioni. La flotta via terra è infatti responsabile del 35% delle emissioni di anidride carbonica di UPS. L'azienda sta accelerando la sperimentazione, l'acquisto e la diffusione di veicoli di nuova generazione. Tra il 2000 e la fine del 2012, la flotta a combustibile alternativo e a tecnologia avanzata ha effettuato 475 milioni di chilometri  con un nuovo ambizioso obiettivo di 1,6 miliardi di chilometri  per il 2017. Nel 2012, questa flotta in continua crescita ha percorso circa 78 milioni di chilometri, il 43% in più rispetto al 2011.

 

All'inizio di quest'anno, UPS ha annunciato l'intenzione di introdurre circa 1.000 motrici a gas naturale (GNL) nei prossimi due anni, ampliando la sua flotta di veicoli a carburante alternativo e tecnologicamente avanzati, attualmente composta da 2.700 unità. La flotta comprende oggi, veicoli elettrici, ibridi elettrici, ibridi idraulici, a gas naturale (GNL, gas naturale compresso), propano, biometano e veicoli leggeri con carrozzeria a materiale composito che fanno risparmiare carburante.

 

Il nuovo Rapporto di Sostenibilità registra i dati relativi alla riduzione delle emissioni, al risparmio di carburante e di chilometri percorsi attraverso l'uso innovativo della tecnologia. Ad esempio, i dati telematici forniti dai sensori collocati sui veicoli hanno aiutato UPS a tagliare, lo scorso anno, il tempo in cui i motori hanno girato al minimo di oltre 206 milioni di minuti, per un risparmio di oltre 5,5 milioni di litri di carburante. La tecnologia di routing ha fatto aumentare le soste di ritiro e consegna per chilometro, con un risparmio di circa 20 milioni di chilometri di guida, che equivalgono a circa 5 milioni di litri di carburante.

 

I dettagli delle iniziative nei confronti dei gas serra portate avanti da UPS e tutti i nostri programmi di sostenibilità sono consultabili nel report disponibile all'indirizzo www.ups.com / sustainability.

 

UPS (NYSE:UPS) è un leader globale nella logistica e offre un'ampia gamma di soluzioni tra cui il trasporto pacchi e cargo, la semplificazione del commercio internazionale e l'utilizzo di tecnologia avanzata per gestire in maniera più efficiente il mondo del business. Con sede ad Atlanta, USA, UPS serve oltre 220 Paesi e territori in tutto il mondo. L'azienda è presente sul web con il sito www.UPS.com e il blog aziendale blog.ups.com. Per conoscere le ultime notizie riguardanti UPS, visita pressroom.ups.com.

 

lunedì 29 luglio 2013

Conto Deposito CheBanca! 3,50% sulla nuova liquidità vincolata a 6 mesi

Conto Deposito CheBanca!
Conto Deposito CheBanca!
Conto Deposito CheBanca!

Messaggio pubblicitario. Consulta i Fogli informativi, le Condizioni contrattuali. CheBanca!

Se non vedi il messaggio, puoi usare questo link.

Per revocare l'iscrizione alla lista di www.corrieredelweb.it, cancellati qui.

Mail-Maker

venerdì 26 luglio 2013

L'ambiente va in scena. Ultimi 10 giorni per partecipare al bando di Legambiente e Bith




Torino, 26 luglio 2013                                                                                 Comunicato stampa

 

Legambiente e Bith promuovono un bando per compagnie teatrali e singoli artisti

 

L'ambiente va in scena.

Ultimi 10 giorni per partecipare al bando

 

 

Conoscere l'ambiente attraverso i linguaggi del teatro e della performance. E' questo l'obiettivo della collaborazione tra Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta e Bith, consorzio culturale che unisce la rete dei professionisti delle arti sceniche. Prima occasione il bando rivolto a compagnie teatrali e singoli artisti di tutta Italia per dar vita nella prossima stagione teatrale al Festival Ambiente/Teatro. La forza della creatività narrativa, delle emozioni profonde, per raccontare quanto e come l'ambiente influenza le nostre vite. Ambiente e legalità, ambiente e lavoro, ambiente e alimentazione saranno i temi accolti con preferenza dal bando che scade il 4 agosto.

 

 

Il testo del bando è scaricabile all'indirizzo: http://www.legambientepiemonte.it/doc/BandoFestivalAmbienteTeatro.pdf

 

 


Novara: effetti positivi della legge sugli shopper

 NOVARA  AUMENTA LA QUALITA' DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA GRAZIE ALL'APPLICAZIONE DELLA  LEGGE SUGLI SHOPPER Dieci mesi dopo l'ordinanza del Sindaco, il sistema di raccolta rifiuti della città di Novara passa da un indice di conformità del 66% all'88%. L'impegno dell'amministrazione comunale e il sostegno delle associazioni di categoria e dei cittadini rendono evidenti le potenzialità della legge 28 del 24 marzo 2012 Novara - Roma, 26 luglio 2013 - "Un anno fa avevamo plaudito all'iniziativa del Sindaco di Novara che, primo in Italia, aveva deciso di applicare subito i dettami della legge del 24 marzo 2012 sui sacchetti per asporto merci, completando il piano comunale – già molto avanzato - di riduzione del rifiuto indifferenziato e di valorizzazione della frazione organica. Dodici mesi dopo, i numeri confermano che la legge 28 – se correttamente applicata – riveste un ruolo fondamentale in direzione di una sempre più efficace raccolta differenziata della frazione organica e della tutela dell'ambiente", così ha dichiarato Marco Versari, Presidente di Assobioplastiche. Secondo i dati disponibili in 10 mesi gli shopper compostabili sono passati dal 43% dei sacchi totali utilizzati al 55% e  i sacchetti dedicati alla raccolta differenziata della frazione organica dal 23% al 32%; mentre sono quasi scomparsi gli shopper non conformi (in plastica tradizionale  e cosiddetti "oxo-degradabili") rimane invece rilevante la presenza dei sacchi ortofrutta, attestati al 5% rispetto al 10% del 2012. Complessivamente l'indice di conformità della raccolta  è passato dal 66% all'88%  (carta compresa) con un beneficio indiscutibile per il sistema di gestione dei rifiuti della città di Novara.  La legge 28 del 24 marzo 2012 stabilisce che gli  unici sacchetti per asporto merci commercializzabili in Italia sono: quelli biodegradabili  e compostabili conformi alla EN 13432, che possono essere conferiti alla raccolta della frazione organica e avviati a compostaggio;quelli riutilizzabili di spessore superiore a 100 micron per usi non alimentari e 200 micron per gli usi alimentari,  se con maniglia esterna alla dimensione utile del sacco;quelli riutilizzabili di spessore superiore a 60 micron per usi non alimentari e 100 micron  per usi alimentari se con maniglia interna alla dimensione utile del sacco (c.d. sacchi a fagiolo). La rilevazione effettuata lo scorso novembre 2012 da ISPO Ricerche per conto di Assobioplastiche e volta ad analizzare le abitudini dei consumatori nell'uso di sporte e sacchetti per imbustare la spesa, aveva confermato che oltre il 90% degli italiani sono favorevoli alla normativa che ha messo al bando i sacchetti in plastica tradizionale e alle sanzioni previste per la sua violazione. Precedenti edizioni dello studio ISPO avevano infatti  evidenziato che i sacchetti fuori legge vengono ancora usati nel piccolo commercio e nei mercati, ove al  consumatore privo della propria busta vengono spesso proposti sacchetti che si autodefiniscono biodegradabili ma che non sono certificati secondo lo standard en 13432 come la legge richiede,  se non addirittura gli shopper usa e getta in plastica tradizionale. I nuovi dati confermano che l'ordinanza del Sindaco di Novara per l'applicazione immediata della legge 28,  accompagnata da opportuni  controlli, assieme alla collaborazione fattiva delle organizzazioni di categoria e dei commercianti, ha avuto un effetto altamente positivo sulla raccolta differenziata della frazione organica, raccolta che con il suo 72,67% fa di Novara una città da primato e uno degli esempi più virtuosi a livello europeo. "I risultati ottenuti – commenta il sindaco di Novara Andrea Ballarè -  confermano la bonta di questa e di altre scelte sulla strada che ci conduce all'obiettivo di costruire una città sostenibile. Stiamo lavorando per migliorare le condizioni di vivibilità del territorio riducendo i fattori inquinanti. E questi risultati concreti riconoscono gli sforzi fatti. Sono molto soddisfatto per l'apprezzamento di questo provvedimento che abbiamo condiviso con le organizzazioni di categoria del commercio, e che sta consentendo anche a tutto il settore di fare un significativo passo in avanti sulla strada della responsabilità sociale". "Oggi  possiamo prendere atto che la legge 28 è una buona legge e che applicarla subito come ha fatto il Comune di Novara, senza tergiversare ulteriormente, significa dare luogo a buone politiche di tutela ambientale e a sostegno degli importanti obiettivi di raccolta differenziata della città", ha concluso il Presidente Versari.  ***Assobioplastiche - Associazione Italiana delle Bioplastiche e dei Materiali Biodegradabili e Compostabili – è stata costituita nel 2011 e rappresenta le imprese operanti, in Italia ed all'estero, nella produzione di polimeri biodegradabili e di prodotti finiti e nella gestione del fine vita dei manufatti realizzati con bioplastiche. Assobioplastiche ha sede a Roma ed è attualmente presieduta da Marco Versari.www.assobioplastiche.org 


Oro per il MUSE di Renzo Piano




 
 
Oro per il MUSE. Raggiunta la certificazione per la sostenibilità in edilizia LEED Gold per il museo della scienza di Trento progettato da Renzo Piano.


Efficienza energetica, risparmio idrico, sostenibilità dei materiali. Il grande valore architettonico ed ambientale del MUSE ottenuto grazie anche alla consulenza Habitech per raggiungere il noto standard e ad un approcio globale al progetto. Il direttore Habitech Thomas Miorin e l'architetto Laura Pighi, AP LEED a disposizione della stampa sabato all'inaugurazione per spiegare il ruolo della certificazione LEED e i plus di sostenibilità del museo.

 

Il MUSE vince "l'oro" della sostenibilità. Lo scorso 13 giugno il Museo delle Scienza di Trento, progetto di  Renzo Piano RPBW, gestito da IURE spa in nome e per conto di Fondo Clesio di SGR Castello,  ha ottenuto  la certificazione LEED® NC 2.2 Gold, rilasciata dall'ente certificatore GBCI (Green Building Certification Institute) di Washington, D.C.

 

Il MUSE si colloca all'interno del nuovo quartiere Le Albere, riqualificazione dell'ex area Michelin a Trento.

MUSE sarà il primo museo italiano a ricevere l'ambita certificazione LEED NC, costituendo un nuovo benchmark nel settore. Livello GOLD è stato il posizionamento ottenuto con il sistema di rating LEED, raggiunto anche grazie al supporto di HABITECH - Distretto Tecnologico Trentino  per le attività di "Project Management LEED".

«Un grande risultato per un progetto che sarà un fiore all'occhiello per il Trentino, a cui siamo soddisfatti di aver dato il nostro contribuito e ci auguriamo apra la strada della sostenibilità nella realizzazione e gestione delle strutture museali», ha dichiarato Gianni Lazzari, AD di Habitech. «Questo risultato dimostra inoltre che risultati ambiziosi si possono raggiungere quando c'è sinergia tra i partner  coinvolti». Inizialmente infatti l'edificio aveva come obbiettivo il raggiungimento della certificazione LEED Silver, ma la collaborazione dei vari soggetti coinvolti nella realizzazione del Muse ha portato al raggiungimento del livello superiore, al livello Gold.

 

L'approccio globale e la valorizzazione del percorso della certificazione di sostenibilità ambientale LEED è derivato da una composizione integrata di strategie in diversi ambiti di prestazioni dell'edificio e del suo rapporto con l'intorno. Dalla scelta dei materiali e le modalità di gestione delle attività di costruzione, alla relazione con  il contesto insediativo e dei servizi, dalla relazione degli utenti dell'edificio con la rete dei percorsi pedonali e dei servizi di trasporto collettivo fino alle strategie estremamente efficaci di riduzioni dei consumi energetici ed idrici.

La strategia energetica ha considerato l'interazione involucro impianti e combinato la riduzione dei consumi dell'edificio concepito come sistema con la fornitura di energia "verde", il ricorso intensivo alle rinnovabili, fotovoltaico e  geotermia, nel contesto di un intero comparto servito dalla nuova centrale di trigenerazione. Altresì integrato è stato l'approccio al "sistema acqua", con risparmio dell'uso di acqua potabile quintuplicato rispetto ai migliori benchmark di riferimento grazie all'adozione incrociata di sistemi di riduzione e il riutilizzo dell' acqua piovana.

Importanti sono state anche le prestazioni degli spazi interni, dove la relazione con le viste sul paesaggio e la luce naturale e l'uso di materiali basso emissivi hanno puntato ad alte prestazioni in termini di  comfort e salubrità. Per i crediti del segmento costruzioni vanno rilevati i punti di "performance esemplari", ottenuti grazie all'interramento totale dei parcheggi e quelli inerenti alla gestione dei rifiuti delle attività di costruzione  la cui  quasi totalità  è andato riciclato.

Il valore d'integrazione portato in luce nel perseguimento di obiettivi "green" è uno dei risultati metodologicamente più interessanti di questo percorso. Il risultato globale ottenuto con la certificazione LEED dell'intervento ha una valenza ulteriore se si considera che il MUSE svolgerà una importante funzione pedagogica. Il MUSE dunque come "Building as a teaching tool" edificio come uno strumento di insegnamento, che può ispirare ed educare.

Inoltre tra 3.300 metri quadri di esposizioni permanenti e di 500 metri quadri di mostre temporanee, verrà realizzata una sezione espositiva dove i visitatori potranno conoscere le strategie per rendere gli edifici più sostenibili ed efficienti. Un'occasione dunque per conoscere LEED e toccare con mano come si persegue la certificazione e cosa significa in termini tangibili.

 

Secondo Laura Pighi, LEED AP e project manager di Habitech «il progetto ha perseguito attivamente l'obiettivo "Building as a teaching tool", così che nel raccontare la sostenibilità sarà esso stesso il primo esempio di ciò che contiene e di cui parla. L'edificio stesso diventa uno strumento educativo».

 

Il giorno 27 Luglio l'Architetto Laura Pighi e il direttore Habitech Thomas Miorin saranno disponibili per interviste sulla sostenibilità dell'edificio e sulla certificazione LEED™ a partire dalle ore 16.30 fino alle ore 18. Per organizzare interviste si prega di contattare l'ufficio stampa di Habitech – Cell. 3398436770. Foto del MUSE verranno fornite su richiesta.



Habitech è il Distretto Tecnologico Trentino per l'energia e l'ambiente riconosciuto dal Ministero dell'Università e della Ricerca: una realtà composta da circa 300 soggetti fra imprese, enti di ricerca e agenzie pubbliche, per un totale di circa 8.000 addetti e un volume d'affari generato di circa 1,5 miliardi di euro. Habitech ha introdotto la certificazione LEED® in Italia, lo strumento di misura della sostenibilità in edilizia più riconosciuto a livello internazionale ed è socio fondatore del Green Building Council Italia. La società è un punto di riferimento nazionale per l'edilizia sostenibile, l'energia e la mobilità alternativa. In queste aree Habitech eroga servizi, crea progetti e supporta l'innovazione. Inoltre sviluppa soluzioni prototipali innovative in Trentino con lo scopo di diffonderle a livello nazionale ed internazionale. In pochi anni è diventato tra i leader in Europa nella consulenza per l'edilizia sostenibile con un pacchetto innovativo di servizi per tutti i percorsi di certificazione LEED, vantando la più ampia quota di mercato sul territorio nazionale, nel quale segue le principali operazioni immobiliari. Habitech promuove e coordina processi innovativi di efficientamento energetico di singoli edifici o territori. Affianca grandi gruppi, fondi di investimento e operatori del R.E. nell'inserire in modo efficace e profittevole la sostenibilità nei processi di realizzazione e gestione degli edifici.  Habitech è fondatore di Odatech, primo Organismo di Abilitazione dei certificatori energetici in Provincia di Trento. Nel 2012 sono stati emessi più di 4.000 certificati da quasi 530 certificatori iscritti all'Organismo. A fine 2011 Trentino Sviluppo, in qualità di proprietario del know-how e del marchio ARCA, ha affidato ad Habitech l'incarico di gestire il processo di certificazione, accreditamento e formazione di aziende e progettisti che aderiscono al sistema ARCA per l'edilizia in legno. Odatech diviene il gestore e l'organizzatore della Certificazione e della Formazione del Progetto ARCA. La prima edizione di REbuild, è stata organizzata nel 2012 da Habitech in collaborazione con Progetto Manifattura e Riva Fiere e Congressi. Rebuild è stato il primo evento centrale nel panorama nazionale del mercato dei servizi e tecnologie per la riqualificazione, gestione e conduzione sostenibile degli edifici esistenti. A novembre 2013 si terrà la seconda edizione della convention REbuild.


HOME| CONTATTACI| CANCELLATI
Distretto Tecnologico Trentino Società consortile a r.l.
© 2009 All Rights Reserved • P.IVA e codice fiscale: 01990440222
Sede legale e uffici: Piazza Manifattura, 1 38068 Rovereto (TN)


giovedì 25 luglio 2013

Teatro Trastevere: prima nazionale di 'Non è vero niente'





NON E' VERO NIENTE

Scritto e diretto da Alessandro Di Somma

Con Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco, Marco Zordan, Diego Venditti

TEATRO TRASTEVERE

dal 26 al 31 luglio ore 21.00, domenica 28 riposo

Via Jacopa de' Settesoli, 3

Teatro della Memoria, memoria a teatro, memoria collettiva e individuale: secondo un gioco intelligente, dissacrante e ironico sull'inafferrabilità del ricordo, nella sua dimensione intima e universale, debutta in prima nazionale al Teatro Trastevere, con il contributo della Regione Lazio, "Non è vero niente" nuovo spettacolo di La Cattiva Strada, scritto e diretto da Alessandro Di Somma

In un momento storico in cui tanto ci si interroga sulla memoria e sulla sua cultura, Alessandro Di Somma, controcorrente, sfida il pubblico e gli attori sulla base dei ricordi individuali e collettivi dando vita a uno spettacolo tutt'altro che scontato in cui ogni passo ed elemento si crea e si stravolge senza certezze.

In scena Eleonora Turco, Giuseppe Mortelliti, Diego Valentino Venditti, Marco Zordan, si ritrovano alle prese in prima persona con le piccole o grandi storie che ci hanno sconvolto, quei giorni che hanno segnato indelebilmente le nostre vite e quelle delle persone che abbiamo intorno...

Come possono queste storie diventare memoria collettiva? Memoria condivisa, come e più degli stessi eventi storici che hanno sconvolto l'intero sistema mondo, più di una guerra o di una pestilenza, la memoria collettiva di un dolore, di un piccolo dolore?

"Non è Vero Niente" diventa così uno spettacolo e un progetto artistico multidisciplinare che con sarcasmo e un pizzico di dissacrazione collettiva, gioca con gli arcani e le percezioni del pubblico, la finta universalità della Storia e l'impossibile – seppur tanto millantata - condivisione degli avvenimenti.

"La memoria, nell'accezione artistica, sociale e anche comune del termine è spesso associata a eventi di portata universale" spiega il regista e autore Alessandro Di Somma "che attraverso il passare del tempo, si  sedimentano, si oggettivizzano e diventano patrimonio comune,  tanto che sovente, di singoli episodi o storie anche complesse, ne viene data una lettura unanime. La memoria di questi eventi che hanno cambiato il corso della storia collettiva, viene scandita, nel corso degli anni, da anniversari, parate, celebrazioni, che hanno il compito di celebrarla, farla tornare viva, renderla ancora accessibile, qui ed ora. Ma accade spesso più semplicemente che un'immagine, un oggetto, un odore o un suono rievochino più intensamente e crudemente sensazioni che si credevano perdute".

Info e prenotazioni: www.lacattivastrada.com 349.43.56.219 – 329.80.27.943



Università della Montagna: news dalle foreste - Speciale convegno




Università della Montagna


SPECIALE CONVEGNO

L'IMPRESA AGRICOLA (FORESTALE)PROTAGONISTA DEL FUTURO DELLA MONTAGNA E DEI TERRITORI MARGINALI

Pontremoli sarà sede il prossimo 26 luglio di un prestigioso convegno che collocherà l'azienda agricola forestale al centro degli interventi dei relatori che focalizzeranno, alla luce delle normative vigenti e prossima emanazione, le prospettive di sviluppo delle aree montane e appenniniche notoriamente difficili e marginalizzate.

Questo il programma del convegno che si terrà nelle sale del Teatro della Rosa in via del Teatro a partire dalle ore 15,00 

15,00:

Apertura lavori

15,10:

"Quale azienda agricola (forestale) per i territori marginali: ruolo e funzioni economiche, ambientali, ecologiche" – Dott. Valerio Poi – Presidente Associazione "Civiltà Lunigianese"

15,40:

"La riforma della PAC: una occasione per i territori marginali" – Dott. Pietro Sandali – Capo Area Azione Economica - Confederazione Nazionale Coldiretti.

16,10:

"L'impiego da parte dei privati di terreni abbandonati: fra interesse pubblico e tutela della proprietà" – Cons. Andrea Baldanza, Magistrato Corte dei Conti

 16,40:

"Utilizzazione dei terreni abbandonati o incolti"- Dott. Fabrizio Di Marzio, Consigliere della Corte di Cassazione.

 17,10:

"Il ruolo dei Comuni e delle loro Associazioni come soggetto pubblico attivo nel processo di riordino fondiario e dei servizi" – Dott. Enrico Petriccioli –Consigliere UNCEM

17,40:

"La partecipazione delle Parti Sociali a sostegno di innovative politiche di sviluppo per la montagna" - Dott. Augusto Cianfoni – Segretario Nazionale FAI - CISL

17,45:

Dibattito

18,45:

CONCLUSIONI: Gabriele Calliari – Presidente Federforeste

 

 

 

Assemblea di Federforeste

 L'Assemblea nazionale di Federforeste  si terrà il prossimo 31 luglio  presso il Centro Congressi di Palazzo Rospigliosi in Roma. All'ordine del giorno la relazione del presidente Calliari sull'attività svolta dall'associazione ,gli aspetti finanziari e il rinnovo cariche.

                 

Federforeste

 

Sede:

Via XXIV Maggio, 43
00187 Roma, Italia

Tel. 06.4682395

Fax. 06.4682395

 

E-mail: info@federforeste.it

Sito web: www.federforeste.it

 

 

 

 

Via XXIV Maggio, 43

00187 Roma, Italia

Tel. 06.4682395

Fax. 06.4682347

E-mail: info@federforeste.it

Sito web: www.federforeste.it

 


E.ON sostiene la XXV edizione di Festambiente 2013

E.ON sostiene la XXV edizione di Festambiente 2013. La multinazionale dell'energia elettrica e del gas, anche quest'anno, insieme a Legambiente per contribuire a un ambiente migliore e sfidare il cambiamento climatico.

 

Anche quest'anno E.ON è sponsor di Festambiente, il festival nazionale di Legambiente, giunto alla venticinquesima edizione, che si terrà dal 9 al 18 agosto a Rispescia (GR), alle porte del Parco regionale della Maremma, nel Centro nazionale per lo sviluppo sostenibile di Legambiente "Il Girasole".

 

Festambiente è uno dei maggiori appuntamenti europei dedicati all'energia pulita, all'ecologia e alla solidarietà. L'evento ospita ogni anno oltre 80.000 visitatori grazie a concerti, conferenze, teatro, cinema all'aperto, Città dei bambini e sana alimentazione con i numerosi punti ristoro a base di prodotti tipici, naturali e a filiera corta. Aderisce alla campagna AzzeroCO2 che mira alla cultura della riduzione delle emissioni per un'energia più pulita.

 

Appuntamenti che mirano ad uno scambio continuo di energia con il pubblico per i 25 anni di Festambiente, grazie anche alla presenza di artisti di fama nazionale ed internazionali quali Pino Daniele, Daniele Silvestri, Max Gazzè, Francesco De Gregori, Giovanni Allievi, Goran Bregovic, Marta sui Tubi, Teatro degli Orrori, Niccolò Fabi, Mario Biondi e Malika Ayane.

 

Con una capacità installata di circa 6,2 GW da fonti tradizionali e da rinnovabili, e circa 900.000 clienti complessivi tra energia elettrica e gas, E.ON è oggi uno dei principali operatori energetici in Italia nella generazione e nella vendita di energia elettrica e nella vendita di gas. Anche nel settore delle rinnovabili E.ON in Italia si distingue per una capacità complessiva pari a 374 MW, di cui 328 MW nell'eolico, grazie a 10 parchi operativi in Toscana, Sardegna, Sicilia, Campania, Basilicata e Calabria, e 46,3 MW nel fotovoltaico attraverso impianti in Lombardia, Piemonte, Lazio e Sardegna.

 

 


GREENPEACE: CHE CI FANNO DUE ORSI POLARI IN SPIAGGIA CON UN BLACK COCKTAIL?

I due animali, simbolo della campagna www.savethearctic.org di Greenpeace, lanciano un appello  contro le trivellazioni petrolifere nell'Artico che rischiano di causare gravi incidenti e di mettere in pericolo gli orsi polari.

Questa è solo la prima tappa del tour estivo della campagna "Save The Arctic" di Greenpeace che interesserà le più belle località di mare del nostre Paese, spiagge e piazze. Da Nord a Sud, sono tante le città coinvolte: Roma, Pisa, Firenze, Bari, Lecce, Venezia, Napoli, Salerno, Trieste, Verona, Pesaro e altre.

I due orsi polari ci ricordano che a casa loro il rapido scioglimento dei ghiacci ha aperto nuove vie di transito e l'Artico, un tempo irraggiungibile, è diventato la meta privilegiata per l'estrazione di petrolio. La corsa all'oro nero è guidata da Shell che, dopo i ripetuti fallimenti in Alaska, vuole riprovarci ora nella Russia Artica con il suo nuovo partner Gazprom.

In latitudini così estreme i rischi di uno sversamento petrolifero sono troppo alti. Per il nostro pianeta, per gli animali e per tutti noi. La minaccia delle trivelle incombe anche sul nostro territorio. Shell, insieme all'Eni, ha progetti di trivellazione nel Mediterraneo, un mare semi chiuso dove una "marea nera" avrebbe conseguenze disastrose sull'ecosistema marino, sulla pesca e sull'economia locale.

Su savethearctic.org è possibile firmare per difendere l'Artico, come hanno fatto già 3 milioni e mezzo di persone nel mondo.
ROMA, 25.07.13 – Oggi, sulla spiaggia di Ostia, il lido di Roma, sono stati avvistati due orsi polari mentre sorseggiavano un cocktail denso, scuro e oleoso, denominato "arctic black".



Video su  http://youtu.be/PRqVXNe-fUY

Comoli Ferrari partner di Gci Group per distribuzione bici elettriche d'avanguardia


Gci Group (www.gci-group.it), società leader di mercato nel settore della green mobility, e Comoli Ferrari, azienda tra le principali realtà italiane nel mercato delle forniture elettriche per industrie, artigiani e rivenditori – annunciano di aver stipulato una partnership per la distribuzione delle biciclette elettriche d'avanguardia di Gci.

 

Nei principali punti vendita Comoli Ferrari si trovano già le innovative biciclette a pedalata assistita di Gci Group, esposte anche nell'area 3E LAB, lo spazio dedicato alla tecnologia, all'innovazione e alle energie rinnovabili aperto accanto alla sede Comoli Ferrari di Novara.

 

Le City Bike di GCI sono state selezionate direttamente dal distributore proprio per le caratteristiche con cui si differenziano dalla concorrenza quali design elegante, potenza di una batteria al litio 10Ah con durata di 50 km, completezza di un computer a bordo multi velocità, confort dato dall'ergonomia di manopole e leve freni e da sella e forcella ammortizzate e praticità di un cambio Shimano ad innesto rapido con 7 velocità.

 

In allegato il comunicato stampa con ulteriori dettagli, i loghi delle due aziende e la scheda tecnica delle biciclette Gci Group scelte da Comoli Ferrari per la rivendita.

Scopri la nuova J1897 Membership

Se non visualizzi correttamente questa mail clicca qui
SCOPRI IL NUOVO PACK J1897


    • Incontro con Top MANAGEMENT
    • WAITING LIST Abbonamenti Premium Club
    • VIP HOSPITALITY experience
    • Sinergie con i PARTNER JUVENTUS
    • Tutti i servizi PREMIUM MEMBER
    • e molto altro ancora...
ATTIVALA SUBITO

Se non vedi il messaggio, puoi usare questo link.

Mail-Maker

Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet o da richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito web.
Qualora non desideriate ricevere in futuro comunicazioni dalla ditta scrivente, potete inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo mittente con oggetto RIMUOVI o Cliccate qui per richiedere la CANCELLAZIONE dalla mailing list di www.corrieredelweb.it.

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *