Cerca nel blog

mercoledì 14 giugno 2017

Accordo di Parigi: il Parlamento adotta nuovi limiti CO2 e discute il ritiro degli USA


·         obiettivi obbligatori nazionali per riduzione di CO2 del 30% entro il 2030 a livello UE
·         coperte le emissioni nei settori agricoltura, edile, trasporti e rifiuti
·         aggiunto misure per incoraggiare i governi a iniziare subito dai deputati

I nuovi obiettivi obbligatori paese per paese di riduzione delle emissioni di gas serra, in linea con l'accordo di Parigi, sono stati adottati mercoledì dai deputati, dopo un dibattito sul ritiro degli Stati Uniti.

Tali riduzioni consentiranno di raggiungere l'obiettivo generale dell'UE: un taglio del 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030. L'UE si impegna a effettuare questi tagli in linea con l'accordo di Parigi.

La legislazione ripartisce l'obiettivo UE in obiettivi vincolanti nazionali per i settori non coperti dal mercato UE del carbonio (ETS) quali l'agricoltura, i trasporti, l'edilizia e i rifiuti, che rappresentano il 60% delle emissioni di gas a effetto serra dell'Unione europea.

Ogni Stato membro dovrà seguire un percorso di riduzione delle emissioni, calcolato a partire da un punto di partenza nel 2018, anziché nel 2020 come proposto dalla Commissione, al fine di evitare un aumento delle emissioni nei primi anni o un rinvio delle riduzioni.

Per l'Italia, l'obiettivo è meno 33% sul 2030.


Per garantire la prevedibilità a lungo termine, i deputati hanno anche fissato un obiettivo per il 2050 per un livello di emissioni inferiore dell'80% rispetto ai livelli del 2005.

Premiare le misure tempestive

I deputati hanno modificato la proposta inziale della Commissione per poter premiare gli Stati membri, con un PIL pro-capite inferiore alla media UE che hanno adottato o adotteranno prima del 2020 le misure necessarie, con una maggiore flessibilità durante la parte successiva del programma di riduzione.

Per aiutare gli Stati membri a raggiungere i loro obiettivi, il regolamento consente loro di "prendere in prestito" fino al 10% dell'indennità dell'anno successivo, riducendo così quella dell'anno in corso.

La relazione legislativa è stata approvata con 534 voti favorevoli, 88 contrari e 56 astensioni.

Citazione

Il relatore Gerben-Jan Gerbrandy (ALDE, NL), ha dichiarato: "Il voto di oggi fornisce un segnale cristallino a Donald Trump: l'Europa agisce sui propri impegni nell'ambito dell'accordo di Parigi e sfrutta le opportunità di crescita verde, con o senza di te. Quasi tutti i gruppi politici hanno sostenuto questa legge sul clima forte ed ambiziosa".

Prossime tappe

Il testo approvato rappresenta il mandato per i deputati per iniziare i negoziati con il Consiglio con l'obiettivo di raggiungere un accordo in prima lettura. I negoziati informali partiranno quando anche il Consiglio avrà espresso la propria posizione.

Dibattito sull'annuncio di ritiro degli Stati Uniti

Il Parlamento ha inoltre discusso mercoledì mattina l'annuncio del presidente Usa Donald J. Trump di ritirarsi dall'accordo di Parigi con la Presidente delle Isole Marshall Hilda Heine e il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.

"Il mondo sta guardando l'Europa", ha affermato Heine, sottolineando la vulnerabilità del suo paese al cambiamento climatico. "Con un'altitudine media di due metri sul livello del mare, non c'è un luogo per fuggire, per nascondersi" dal cambiamento climatico. (...) il mio paese rischia di diventare completamente inabitabile prima che il secolo finisca", ha detto.

Il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani (PPE, IT) ha dichiarato: "Il cambiamento climatico è una delle sfide più urgenti che oggi affrontiamo. (...) Affrontando questa sfida, l'Unione sta creando nuove opportunità per i nostri cittadini e per l'industria. (...) In parole semplici, la decisione dell'amministrazione statunitense è un errore. Lavorando insieme con le nazioni di tutto il mondo possiamo offrire ai nostri cittadini un pianeta più pulito e più sicuro".

Il Presidente Juncker ha dichiarato che l'UE non rinegozierà l'accordo di Parigi. I deputati si sono dichiarati, in gran parte, a favore dell'approvazione dell'accordo UNFCCC 2015 e della sua applicazione completa.

Contesto

Nel luglio del 2016, la Commissione ha presentato una proposta di regolamento per limitare le emissioni nazionali dei gas a effetto serra (GHG) per il periodo successivo al 2020 per i settori non coperti dal sistema europeo di scambio delle emissioni (ETS). Questi includono i settori dei trasporti, quello edile, l'agricoltura e i rifiuti.

La proposta di regolamento fa parte degli sforzi dell'UE per ridurre le emissioni di gas serra almeno del 40% rispetto ai livelli del 1990 e entro il 2030. Tale obiettivo è stato fissato dal Consiglio europeo dell'ottobre 2014 e ed è anche un impegno internazionale dell'UE.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI